Direttivo, Comitato Scientifico, Soci Onorari

Consiglio direttivo

 

E’ costituito da 7 membri: un presidente ed un vice-prrsidente, il tesoriere, il segretario e tre consiglieri. Inizialmente era tesoriere Adriana Mancini e Mara Lupi, consigliere.

A partire dal novembre 2016 , a seguito delle dimissioni di Mancini e Lupi, il Direttivo dell’Associazione I Fili è cambiato.

Attualmente è così costituito:

Rosanna Vagge, presidente     curriculum professionale gennaio 2017

Maria Grazia Sbarboro, vice presidente

Carola Mangiante, segretario

Giorgio Albalustri, tesoriere e consigliere

Carlo Brusati, consigliere

Francesco Brunetti, consigliere

Amedeo Bertolotto, consigliere       curriculum-professionale-2016

 

 

Comitato scientifico

Dr. Alberto Ferrando: Pediatra di Famiglia – Vice Presidente dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri dell’Ordine di Genova  – Presidente della Federazione Regionale degli Ordini della Liguria – componente della Commissione Nazionale per la Formazione continua  e membro del Comitato dei Garanti per il conflitto di interessi in medicina ( www.ferrandoalberto.eu/)

Dott.ssa Lidia Goldoni: esperta di organizzazione e valutazione dei servizi sociosanitari- giornalista, direttrice del sito www.perlungavita.it.

Prof. Antonio Guerci: Titolare della Cattedra di Antropologia –  Dipartimento di Scienze della Formazione-DisFor – Conservatore del Museo di Etnomedicina A. Scarpa  – Università degli Studi di Genova (www.etnomedicina.unige.it/).

Dr. Massimo Lobrano:  Direttore Sanità Marittima, Aerea e di Frontiera Ufficio di Genova – Direzione Generale della Prevenzione – Ministero della salute, attualmente  in quiescenza.

Soci onorari

Dott. Giorgio Bert: medico, esperto di medicina narrativa, cofondatore di Slow Medicine

Dott.ssa Silvana Quadrino:  psicoterapeuta sistemica, counsellor, confondatore di Slow Medicine

Dott.ssa Lalla Mellini:  presidente onoraria della ONLUS Le donne scelgono (www.ledonnescelgono.org/)

Grazie Lalla !    Sarai sempre tra noi e faremo tesoro dei tuoi insegnamenti.   

Lalla Mellini è una donna straordinaria. Una di quelle che rende onore al genere femminile. E’ il presidente onorario dell’associazione “Le donne scelgono” e da molti anni si batte per i diritti delle donne ammalate di tumore al seno. Il suo impegno nasce dalla sua esperienza personale. Ammalata lei stessa di questo male a 47 anni, riesce a salvarsi. La amata sorella, però, ammalata anche lei, non… ce la fa. E qui nasce la pulsione di Lalla Mellini a fare qualcosa per tutte quante le donne che vivono questa condizione. Sconfiggere il tumore al seno è possibile, ne era convinta Lalla, ma bisognava battersi per migliorare le cure e soprattutto renderle più efficaci ed efficienti. Ecco allora che redige un inventario dei diritti delle donne ammalate di tumore: la Carta delle Utenti, un manifesto che ha ispirato la nascita delle unità diagnostiche di senologia, introdotte poi nel 2006 dall’Unione europea nel sistema normativo comunitario come presidio fondamentale per l’utenza femminile, da adottare in tutti i Paesi membri. Nella Carta delle Utenti si stabilisce un principio di fondo: abbattere la frammentazione delle prestazioni mediche per le ammalate di tumore al seno. Tradotto (come dice anche lei nel video): accorpare le visite in un’unica struttura, dall’ecografia, alla mammografia, alla visita oncologica. In questo modo si abbattono le tempistiche per l’intervento clinico, le difficoltà di guarigione, i costi per gli spostamenti da medico a medico e anche i costi per il servizio sanitario nazionale.
Oggi le idee di Lalla Mellini sono diventate un Progetto. E, grazie alla collaborazione con il senologo Raffaele Leuzzi e al lavoro dell’associazione “Le donne scelgono”, si è data vita al Progetto Calabria, che rappresenta un passo in avanti rispetto alle convenzionali unità diagnostiche di senologia previste dall’UE. Perché il Progetto Calabria ha come obiettivo quello di dare vita a un’unità diagnostica di senologia completamente sorretta su base volontaristica, in cui i costi di gestione sono uguali allo ZERO per le utenti e per l’amministrazione. A gestire tutto sono i privati, con macchinari all’avanguardia, di ultima generazione. L’unità sorgerà presto in Calabria, a Lamezia Terme, e venerdì prossimo in un convegno si presenterà l’iniziativa.
Anni di lotte e di impegno, da parte di Lalla Mellini, non sono stati inutili. Nel Progetto Calabria sono sintetizzati la sua forza d’animo e il suo altruismo.
Grazie Lalla.
Postato 19th December 2012 da alessandro caruso

Dott.ssa Vittoria Bixio: amministratore residenza per la terza età Villa Ilia di Sestri Levante  (www.villailia.it)

comitatoscientifico